Il nuovo-vecchio tempio di Gerusalemme, "all'unico vero dio", cerca soci abbienti...


...la sostituzione di paparatzy con papafrancy  effettuata tempestivamente dai vertici vaticani allorché si stavano rendendo conto, malgrado la cecità congenita,  che le loro quote di mercato stavano precipitando nel borsino delle religioni, non ha "salvato" la chiesa cattolica dalla decadenza e dall'estraniazione  popolare. La struttura ecclesiastica è sempre più  un apparato finanziario/politico,  che di religioso ha  ben poco (se mai ne ebbe). 
Ora, l'ultima chance,  ci proveranno con l'accorpamento (impropriamente definito sincretico) delle tre fedi monoteiste, che -in fondo- sempre da una sola  traggono origine: il giudaismo. E segretamente  rabbini, mullah e cardinali lavorano per fondare la "nuova religione universale",  con la ricostruzione del tempio all'"unico dio" di Gerusalemme. 
Unico dio patriarcale e vendicativo ed assetato di potere.  In fondo  la costruzione del nuovo/vecchio tempio  di Gerusalemme trova una ubicazione storica consona. E le diramazioni secondarie saranno Mecca e Roma (fratelli minori).
Papafrancy è d'accordo, l'importante per lui è conservare una  certa autorità.   In fondo la chiesa si occupa solo di “affari”, continuando a mantenere la facciata di un’istituzione (sedicente) religiosa  ma che si è spogliata di ogni spiritualità.
Intanto i media del sistema (in appoggio di convenienza) si sbracciano a dire cose su cose. Sulla buona volontà del pontefice,  sulla bontà del vero islamismo, sulla verità del dio di Abramo, sul pericolo ateista e delle religioni atee (buddismo,  nondualismo, paganesimo, etc)... 
Il vaticano come pure il vertice mondiale sionista e la  cricca sunnita  sono come i membri di una società per azioni i cui soci combattono per mantenere una buona percentuale  nella spartizione e gestione della ricchezza.
Ben inteso si tratta sempre  di una ricchezza “virtuale” in quanto ormai il senso stesso di ricchezza è cambiato. Forse sarebbe meglio usare il termine “capacità di controllo delle masse” attraverso l’economia, la finanza e il "credo".
E  il  vaticano è decisamente  in calo, ha dovuto recedere di fronte ai diritti accampati dai “fratelli maggiori”, di fronte ai potentati economici dei Rothschild, dei Rockefeller, dei Goldman Sachs, dei Mordecai vari e degli emiri del petrolio e della  kaaba…
Il gioco delle "tre carte" procede. Ormai le diatribe, spacciate per risvolti dottrinali, o pensieri di pace, son solo strategie politiche ed i più grandi miscredenti, coloro che professano intimamente l’apostasia, sono quasi tutti lì, con i loro berretti e kippah e turbanti  bianchi, rossi e viola in testa, che spiano le reciproche  mosse in questa partita  a scacchi per  la conquista di una bella fetta di tempio a Gerusalemme.
Paolo D’Arpini


6 commenti:

  1. Tre religioni in un unico tempio: l'ambizioso progetto di Berlino
    Musulmani, cristiani ed ebrei che pregano ed assistono alle funzioni sotto lo stesso tetto. Nella capitale tedesca, un progetto congiunto di associazioni appartenenti a fedi diverse potrebbe introdurre una nuova concezione di "luogo sacro".

    RispondiElimina
  2. Un giornale "serio" il Corriere della Sera nel 2014 comunicava che papa Francesco negò l’incontro al Dalai Lama, il leader buddista tibetano, arrivato a Roma per il summit dei Nobel per la pace. Giustificandosi che "non si vuole entrare in «tensioni» con la Cina". Però il papone non ha avuto difficoltà recentemente, malgrado i continui attentati fondamentalisti, di baciare i piedi ai muslim e di abbracciare i mullah affermando che "vangelo e corano dicono le stesse cose" né ha remore a baciare le mani dei rabbini giudei, chiamandoli "fratelli maggiori". Ora questo atteggiamento potrebbe far pensare ad una prospettiva e progetto in corso per la "fusione delle religioni monolatriche” che le renderebbe una super potenza. Il fatto è che sicuramente il papone avrebbe ed ha interesse a fondere le tre religioni di origine semitica (giudaismo, cristianesimo ed islam) ma non accetterà mai di unirsi al buddismo che sostanzialmente è una non-religione atea...

    RispondiElimina
  3. Scrive Carlo Morabito a commento dell'articolo: “In questi giorni, anche in seguito ai recenti attentati, le pagine dei giornali sono piene di notizie che inneggiano alla “fusione” delle religioni islamo-giudeo-cristiane, con tanto di preghiere comuni in chiesa. A Parte che non sembra ci sia stata grande partecipazione, anzi..., mi sto ancora chiedendo, in riferimento all'articolo summenzionato, quale sia stata la vera ragione dietro alle dimissione di Ratzinger...”

    Mia rispostina: “E' tutto scritto qui: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2012/02/notizie-vaticane-della-serva-papa.html – in un articolo del 2012 in cui si annunciavano le dimissioni imminenti, ed è ulteriormente spiegato qui: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/02/11/addio-paparatzy-anche-per-te-vige-la-legge-del-menga/ - in cui si spiega che paparatzy, come il berlusca a suo tempo, ha ceduto al ricatto dei “fratelli maggiori”. In piedi restano i potentati delle radici vecchio testamentarie, quelli che ormai dominano il mondo con la finanza...”

    RispondiElimina
  4. Come riportato nel libro “I senza Dio”, di Livadiotti, Ratzinger è stato scelto al posto di (mi pare Card. Siri) all’ultimo momento, per salvarlo, e salvare il Vaticano dall’ignominia, dall’arresto a causa della vicenda dei preti pedofili canadesi e statunitensi.
    Perché poi sia stato defenestrato, mi pare logico: Non era in grado di gestire la situazione e gli scandali ulteriori venuti alla luce, con conseguente drastico calo sia di fedeli paganti l’obolo sia di seminaristi e quindi futuri preti.
    Dopo le “dimissioni”, ha dichiarato che sarebbe rimasto in Vaticano a pregare. Ma non è invece perché, se ne uscisse, scatterebbero le manette?
    A proposito dell’ammucchiata, invece, posso dire che tale obiettivo era già stato manifestato qualche decina di anni fa e si farà. Forse, tale unificazione porterebbe all’eliminazione della necessità del terrorismo musulmano, quindi a una “pace” tanto desiderata dai comuni mortali, ovviamente dopo che, grazie al terrorismo, i vari governi avranno preso le opportune misure per contrastare eventuali sommosse popolari o, addirittura, le avranno già sedate e avranno già imposto tutte le leggi liberticide che sono nella loro agenda.
    Questa “pace” finalmente ritrovata, potrebbe essere la ragione del rinnovato e notevole progresso economico post-crisi attuale; progresso e benessere che porteranno alla nomina a “Dio in terra (Anticristo dell’Apocalisse)” del promotore dell’iniziativa; dichiarazione che, a sua volta, darebbe l’avvio alla III guerra mondiale, fra Oriente e Occidente, con conseguente distruzione quasi totale dell’umanità.
    A questo proposito, nel 2005, durante una tavola rotonda cui partecipava la profetessa di Dio per la nostra epoca, fu chiesto: “Quando avverranno tutte queste cose?” – “Entro il 2050” fu la risposta. E ancora: “Ma saranno più vicine al 2005 o al 2050?” E la risposta fu: “Più vicine al 2005”.
    Conti alla mano: 2050-2005 = 45 : 2 = 22,5 + 2005 = 2027,5 cioè, entro il giugno del 2027. Per chi fosse pigro con i calcoli, 2027 – 2016 = 11 anni, entro i quali il mondo attuale inizierà la sua autodistruzione (che durerà parecchio) per lasciare poi il posto al “Regno della Pace”, detto anche “dei 1000 anni”, preconizzato da tutte le culture antiche.

    RispondiElimina
  5. Sbaglio o ci provò già Giuliano l'Apostata a ricostruire il Tempio?

    RispondiElimina
  6. Commento di Joe Jo Bass:

    "Secondo gli Atei, Gesù non è mai esistito, e se lo fu non fu Colui sul quale si costruì un Mito.
    Anche il più fervente dei Credenti metterebbe a dura prova la propria Fede leggendo "La vita di Gesù" di Marcello Craveri.
    Opportunamente mai più ristampato da Feltrinelli ... dopo la morte del titolare Giangiacomo.
    Invece leggendo i libri di Leo Zagami, massone del 33° grado, si apprendono curiose cose sulla Massoneria in Vaticano, cose che l'esorcista Padre Amorth condivideva in parte. Non so se Satana esiste, ma i satanisti sì, esistono in carne ed ossa ... e traggono dalla loro "fede" potere e ricchezza.
    I Massoni credono nell'esistenza di "Illuminati invisibili" .
    Mafia e massoneria son società largamente segrete.
    E ... i Gesuiti? C'è chi dice di sì. Di certo in Arizona possiedono e finanziano osservatori astronomici. A quale scopo? In attesa di ... cosa? O di chi?
    Dio è nei Cieli, ma nei Cieli sembra esserci tanto altro ..."

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.