Frankfurt School - Satanic Judaism in Action

The Frankfurt School were a group of Marxist Jewish intellectuals at Frankfurt University in the 1920-1930's. (They emigrated to NYC after Hitler came to power.) They included Max Horkheimer, Theodor W. Adorno, Herbert Marcuse &  Erich Fromm, and were responsible for the "New Left" and feminism. Financed by Jewish millionaire Felix Weill, they were instrumental in the degradation of Western society according to long-term cabalist Jewish plan. 

I have abbreviated  Timothy Mathew's 16-page "The Frankfurt School:  Conspiracy to Corrupt" (Catholic Insight, March 2009) because these Communist Jewish thinkers are largely responsible for modern Western "culture" today. The article is a reminder that Western society is the target of a satanic conspiracy ultimately sponsored by the banking elite. Most of our political and cultural leaders are agents of this conspiracy. The whole document can be found here.  Live postings are becoming scarcer. 

by Timothy Mathews 
(abridged/edited by 

Basically, the [task of the] Frankfurt School was to undermine the Judaeo-Christian legacy. To do this they called for the most negative destructive criticism possible of every sphere of life which would be designed to de-stabilize society and bring down what they saw as the 'oppressive' order. 

Their policies, they hoped, would spread like a virus--'continuing the work of the Western Marxists by other means' as one of their members noted.

To further the advance of their 'quiet' cultural revolution - but giving us no ideas about their plans for the future - the School recommended (among other things):

1. The creation of racism offences.
2. Continual change to create confusion
3. The teaching of sex and homosexuality to children
4. The undermining of schools' and teachers' authority
5. Huge immigration to destroy identity.
6. The promotion of excessive drinking
7. Emptying of churches
8. An unreliable legal system with bias against victims of crime
9. Dependency on the state or state benefits
10. Control and dumbing down of media
11. Encouraging the breakdown of the family

One of the main ideas of the Frankfurt School was to exploit Freud's idea of 'pansexualism' - the search for pleasure, the exploitation of the differences between the sexes, the overthrowing of traditional relationships between men and women. To further their aims they would:

• attack the authority of the father, deny the specific roles of father and mother, and wrest away from families their rights as primary educators of their children.

• abolish differences in the education of boys and girls

• abolish all forms of male dominance - hence the presence of women in the armed forces

• declare women to be an 'oppressed class' and men as 'oppressors'

[Comintern propaganda chief] Wily Munzenberg, left, summed up the Frankfurt School's long-term operation thus: 'We will make the West so corrupt that it stinks.'

The School believed there were two types of revolution: (a) political and (b) cultural. Cultural revolution demolishes from within. 'Modern forms of subjection are marked by mildness'. They saw it as a long-term project and kept their sights clearly focused on the family, education, media, sex and popular culture.


Following Karl Marx, the School stressed how the 'authoritarian personality' is a product of the patriarchal family--it was Marx who wrote so disparagingly about the idea of the family being the basic unit of society. All this prepared the way for the warfare against the masculine gender promoted by Marcuse under the guise of 'women's liberation' and by the New Left movement in the 1960s.

They proposed transforming our culture into a female-dominated one. In 1933, Wilhelm Reich, one of their members, wrote in The Mass Psychology of Fascism that matriarchy was the only genuine family type of 'natural society.' 

Eric Fromm, left, was also an active advocate of matriarchal theory. Masculinity and femininity, he claimed, were not reflections of 'essential' sexual differences, as the Romantics had thought but were derived instead from differences in life functions, which were in part socially determined.' His dogma was the precedent for the radical feminist pronouncements that, today, appear in nearly every major newspaper and television programme.

The revolutionaries knew exactly what they wanted to do and how to do it. They have succeeded.


Lord Bertrand Russell joined with the Frankfurt School in their effort at mass social engineering and spilled the beans in his 1951 book, The Impact of Science on Society. He wrote: 'Physiology and psychology afford fields for scientific technique which still await development.' 

The importance of mass psychology 'has been enormously increased by the growth of modern methods of propaganda. Of these the most influential is what is called 'education. The social psychologists of the future will have a number of classes of school children on whom they will try different methods of producing an unshakable conviction that snow is black. Various results will soon be arrived at. First, that the influence of home is obstructive. 

(Product of an old Illuminati family, Bertrand Russell, left) 

Second, that not much can be done unless indoctrination begins before the age of ten. 

Third, that verses set to music and repeatedly intoned are very effective. 

Fourth, that the opinion that snow is white must be held to show a morbid taste for eccentricity. But I anticipate. It is for future scientists to make these maxims precise and discover exactly how much it costs per head to make children believe that snow is black, and how much less it would cost to make them believe it is dark gray . When the technique has been perfected, every government that has been in charge of education for a generation will be able to control its subjects securely without the need of armies or policemen."

Writing in 1992 in Fidelio Magazine, [The Frankfurt School and Political Correctness] Michael Minnicino observed how the heirs of Marcuse and Adorno now completely dominate the universities, 'teaching their own students to replace reason with 'Politically Correct' ritual exercises. 

There are very few theoretical books on arts, letters, or language published today in the United States or Europe which do not openly acknowledge their debt to the Frankfurt School. The witchhunt on today's campuses is merely the implementation of Marcuse's concept of 'repressive toleration'- 'tolerance for movements from the left, but intolerance for movements from the right'-enforced by the students of the Frankfurt School'.


Adorno was to become head of a 'music studies' unit, where in his Theory of Modern Music he promoted the prospect of unleashing atonal and other popular music as a weapon to destroy society, degenerate forms of music to promote mental illness. He said the US could be brought to its knees by the use of radio and television to promote a culture of pessimism and despair - by the late 1930s he (together with Horkheimer) had migrated to Hollywood.

The expansion of violent video-games also well supported the School's aims.


In his book The Closing of the American Mind, Alan Bloom observed how Marcuse,left, appealed to university students in the sixties with a combination of Marx and Freud. In Eros and Civilization and One Dimensional Man Marcuse promised that the overcoming of capitalism and its false consciousness will result in a society where the greatest satisfactions are sexual. Rock music touches the same chord in the young. Free sexual expression, anarchism, mining of the irrational unconscious and giving it free rein are what they have in common.'

In her booklet Sex & Social Engineering (Family Education Trust 1994) Valerie Riches observed how in the late 1960s and early 1970s, there were intensive parliamentary campaigns taking place emanating from a number of organisations in the field of birth control (i.e., contraception, abortion, sterilisation). 

'From an analysis of their annual reports, it became apparent that a comparatively small number of people were involved to a surprising degree in an array of pressure groups. This network was not only linked by personnel, but by funds, ideology and sometimes addresses: it was also backed by vested interests and supported by grants in some cases by government departments. At the heart of the network was the Family Planning Association (FPA) with its own collection of offshoots. What we unearthed was a power structure with enormous influence.

'Deeper investigation revealed that the network, in fact extended further afield, into eugenics, population control, birth control, sexual and family law reforms, sex and health education. Its tentacles reached out to publishing houses, medical, educational and research establishments, women's organisations and marriage guidance--anywhere where influence could be exerted. It appeared to have great influence over the media, and over permanent officials in relevant government departments, out of all proportion to the numbers involved.

'During our investigations, a speaker at a Sex Education Symposium in Liverpool outlined tactics of sex education saying: 'if we do not get into sex education, children will simply follow the mores of their parents'. The fact that sex education was to be the vehicle for peddlers of secular humanism soon became apparent.

Thanks to John N


- See more at:


Ecologia profonda e bonifica eco-sistemica con le piante

Affresco di Carlo Monopoli

E’ innegabile che un prodotto farmaceutico confezionato in qualunque laboratorio del mondo possa presentare esattamente gli stessi componenti chimici, la stessa cosa non si può dire di una pianta che cresce in un terreno che contiene o può contenere diossina, piombo, arsenico, altro; irrigato con acqua che contiene alcuni di questi inquinanti o altri; soggetto a piogge acide o comunque tossiche a causa dei gas e delle sostanze presenti nell’aria inquinata e senza escludere altri inquinanti provenienti dal dilavamento del terreno.
Gli stessi problemi si pongono per qualunque coltura incluse quelle alimentari, biologico compreso, ma questo aspetto appare non essere notato e certamente non saranno i produttori di concimi e pesticidi a renderlo di pubblico dominio.
Bonificando acqua terra ed aria si può avere un vero biologico (naturalmente non utilizzando gli OGM). Andrebbero fatte ricerche serie per verificare di quali sostanze una pianta ha bisogno, della sua capacità di assorbire o meno sostanze non necessarie o dannose al suo sviluppo e quanto gli effetti sulla pianta derivanti da tale assorbimento possano essere dannosi o addirittura benefici per la salute umana.
Una volta si trattava la terra, oggi bisogna trattare con la terra e con l’acqua, bisogna portare sulla terra e sull’acqua i laureati, i ricercatori in questo grande laboratorio che è l’ambiente naturale, per catalogare i microorganismi, le acque, per monitorare i comportamenti di ogni organismo vivente di qualunque fenomeno indicatore di squilibri negli ecosistemi per potere intervenire in tempo o meglio prevenire.
Abbiamo pochi laureati e diversi di quei pochi sono disoccupati o occupati in campi non coerenti col titolo acquisito, questa carenza va colmata, ma frattanto si rende necessario utilizzare le opportunità che la natura generosamente ci offre.
Potremmo  far nascere imprese  che producono vetiver in quanto ogni pianta di questa specie assorbe 3 kg di anidride carbonica, queste imprese si potrebbero dedicare alla bonifica di terra aria ed acqua per ottenere un vero biologico (l’attuale biologico è comunque superiore ai sistemi che usano prodotti chimici per l’alimentazione e la difesa delle piante in quanto non aggiunge sostanze inquinanti) e le piante officinali avrebbero vita più facile.
Come noto il vetiver bonifica acqua, terra ed aria e contribuisce al riequilibrio degli ecosistemi, alla salvaguardia della biodiversità ed alla ricomparsa di organismi viventi scomparsi a causa di attività antropologiche o di eventi naturali straordinari.
Uniamo le forze e le competenze, non giochiamo ad essere i primi della classe, rivolgiamoci con umiltà alla forza vitale che governa il mondo e ci sostiene nonostante noi stessi.
La natura ci viene incontro per risolvere i problemi e per guardare ad un futuro sostenibile, possiamo affrontare l’argomento della evoluzione agroindustriale, guardare alle soluzioni naturali a costi contenuti, che talvolta non vengono considerate da chi si batte per risolvere i problemi, come se la fine del problema decretasse la fine di chi l’ha posto e sottoposto all’opinione pubblica e non la sua vittoria sul problema.
Chi lavora in campagna coniuga i propri interessi con quelli della comunità umana.
Occorre proporre una alternativa equa e sostenibile che possa essere praticata dal basso.
In sintesi, ritengo che raggiunta una visione comune dobbiamo anche mettere insieme le competenze per presentare progetti finanziabili che possono essere predisposti insieme e adottati da giovani volenterosi e amanti della natura, per dare anima e corpo al cambiamento di rotta.
Benito Castorina

Casi unici - A Calcata ognuno è il modello di se stesso....

Calcata - Personaggi sciolti 

Ante Scriptum
Di tutte le storie scritte su Calcata raramente si è parlato dei personaggi che la abitano, genericamente menzionando “artisti, artigiani, creativi, etc.”, questo che segue è un fuori onda di carattere sociologico, scritto quando ancora risiedevo nel borgo falisco,  per evidenziare come il gioco dell’oca a Calcata sia perennemente in auge. Si va avanti e si va indietro, si occupano caselle importanti e si finisce in stallo, si vince e si perde… 
Ma quando si esce finalmente fuori dal gioco? Alcuni dei personaggi sotto descritti ce l'hanno fatta a completare il percorso, qualcuno è defunto, qualcun altro, come me, ha finito il servizio militare ed è  in "congedo".

Calcata -  Il bar delle "prime donne": Cafè Cafir

Un’amica una volta mi ha detto: “Parlando al bar con uno di qua mi son sentita dire che    Calcata è un paese di prime-donne, ogni calcatese, nuovo o vecchio, si sente unico e vero”.  Mai prima mi son trovato così d’accordo su un giudizio espresso sui calcatesi.  Infatti ognuno a Calcata, si pone come modello di se stesso.  Spesso in antitesi diretta con l’altro modello  incarnato dal vicino o dall’omonimo.   
Questo è il caso, ad esempio, dei “beati paoli”, i tre “grossi paoli” che  a modo loro sentono di incarnare l’anima della comunità. In primo luogo c’è Paolo Portoghesi, l’architetto, che unisce la  cultura universitaria al vezzo delle tradizioni contadine (la moglie Giovanna dirige un  allevamento di asini non disdegnando però i lama, le capre, le oche ed i cani), egli  irradia se stesso dal suo  studio  post-moderno  di Monte Menutello, sua la nuova Chiesa di Calcata Nuova e suo il restauro del Palazzo Baronale al Centro storico.  Poi c’è Paolo D’Arpini, il sottoscritto, che si ingegna con mille artifizi di restare a galla e di incarnare un messaggio ecologista e di spiritualità laica, mezzo barbone e mezzo imperatore, la gente non crede che io possa essere l’uno o l’altro e siccome anch’io me ne frego di mantenere un’immagine, praticamente sono il nessun Paolo. Il terzo Paolo è l’americano Paul Steffen, ex coreografo ed uomo di spettacolo, il quale incarna lo spirito esibizionista ed anticonformista per eccellenza ed anche una certa ‘malizia’, diciamo che mi fa pendent.  Ad memoriam rimane pure l’outsider Paolino, il ribelle Zorba, che suonava la fisarmonica per tutti belli e brutti.  
Ma la storie delle prime-donne non si ferma ai beati paoli. Ci sono i Giuseppe, come Salerno il telematico e rampante manager e critico cultural chic, oppure come Roveri detto ‘Pino il Generale’ per la sua capacità di sopravvivenza in tutte le stagioni,  c’è  anche l’altro Giuseppe -il Canali- che spazia in mondi di fuori, pieni di immagini ed estrapolazioni artistiche.  Abbiamo anche le marie, Maria Uyttendaele, assoluta come Michi,  madre delle mie figlie, Maria la vedova di Dario, l’unica che avesse tentato sino all’ultimo di tener aperto un negozio di alimentari a Calcata vecchia, e Maria -la Maddalena- innominabile pentita e convertita all’amore di pubblica utilità. Anche Patrizia impera bene, abbiamo Patrizia Crisanti, l’architetto ed ex consigliera comunale del centro storico, che spazia fra improbabili ritorni di fiamma  e la funzione di accumulatrice di notizie storiche, anche Patrizia Palla, la genovese, è una accumulatrice ma di  vecchie sottane e velette da lei stessa rammendate e stirate, mentre Patrizia, detta la maestrina, è un fantasma del passato che appare e scompare ma sempre mantiene la sua presenza delusa,  attraverso i suoi inquilini (ombre ectoplasmiche dei suoi pensieri).  
Non possiamo, sempre in tema di prime donne, oscurare i Luigi, il primo  è il Gasperini, primo cittadino  per antonomasia di Calcata, un possente veliero politico che naviga con le vele spiegate, da oriente ad occidente e da occidente ad oriente, sempre con il vento in poppa…  diverso certo dal buon Luigino che governa solo le sue greggi caprine e produce un buon formaggio caro a tutti i calcatesi, diverso ancora da Luigi Moriggi che abita in via Moriggi a simbolo di una continuità familiare.
Varrebbe la pena di continuare nelle comparazioni anche se c’è il rischio di scendere nel pettegolezzo. Per chi conosce Calcata sarà comunque interessante  estrinsecare nuovi esempi di assolutezza simbolica. Il fatto è che tutta questa variabilità, dal punto di vista sociologico, è significativa di come il laboratorio Calcata possa continuare a produrre esperimenti “unici”  rappresentativi delle varie sfaccettature dell’Umano e della sua alchimia  caratteriale.

Paolo D’Arpini

P.S. Adesso sono in attesa di vedere i risultati della mia seminagione genetica, a Calcata ho lasciato ben 3 piccoli D'Arpini (i nipotini: Sava, Mila e Teo)

Filosofie raffinate: "Non dualismo e zen..."

Una volta classificata la materia cessa di svilupparsi in una azione: diviene una categoria restrittiva. Queste categorie sono spesso dualiste: bene e male, anima e corpo, pensiero e azione, mentale e fisico, salute e malattia. L'attitudine teorica che ne deriva fa rigettare di colpo tutto ciò che non è conforme ad una visione già determinata.  

Io presento una visione del mondo diversa. 

Utilizzo la mia libertà di espressione per mostrare che c'è un'altra maniera di pensare. Se la scienza classica deriva dalla applicazione di una disciplina i cui principi sono stati elaborati nel VII secolo, questa scaturisce da una filosofia, e non dalla filosofia propriamente detta. Così certe branche della scienza, come la fisica moderna, sfuggono alla vecchia disciplina in cerca di una nuova filosofia. La filosofia è una presa di posizione che in sé è libera.   

Mi oppongo pertanto alla opposizione del dualismo classico: 'una filosofia non può essere associata a una pratica'. Questa opposizione, che è solo teorica, non rappresenta un grosso ostacolo. La fusione tra la teoria e la pratica la si fa nella mente. La discussione diventerebbe sterile se si cercasse di far ammettere verbalmente idee come: un bene può essere un male, un male può essere un bene [si noti tuttavia che il concetto di bene/male è relativo al soggetto che subisce il fenomeno valutato, n.n.r.]. Solo la pratica può permetterci di sentire.  

Il divieto è la forma che l'occidente ha adottato per salvaguardarsi contro la caduta nel caos. Esso prende una forma più sottile allorché presenta il rovescio della medaglia sotto i nomi di miracolo, mistero, magia. Non è sufficiente togliere i divieti perché si diventi liberi [ in realtà ogni essere è libero secondo libertà vincolata, da vincoli naturali ed artificiali, i quali ultimi soggetti alla facoltà di scelta, n.d.r.]. 

A un sistema di divieti succederà un altro sistema.   

Solo la respirazione, penetrando in profondità, potrà cambiare questa situazione.  

Sarà vano cercare in me, come si è abituati a fare, spinti da uno spirito che esige prove, qualità che io non posseggo: un potere straordinario, l'invulnerabilità, l'efficacia, e tutta la gamma delle seduzioni.  

Cosa sono in confronto ala grandezza dell'amore cosmico del maestro Ueshiba, alla tecnica del non-fare del maestro Noguchi, o alla raffinatezza insondabile del maestro Kanzé Kasetsu, autore del teatro No ?  ... Essi sono maestri per natura".  
(Itsudo Tsuda, La scuola della respirazione, Le Courrier du Livre, Paris, 7 giugno 1973).  

Una frequente lotta mentale si svolge nelle vite di molti uomini tra il dualismo del pensiero separativo e l'esperienza della unità inseparabile del reale, e in questa lotta la cultura occidentale dominante ha fatto sentire per secoli e secoli il suo peso sul piatto dualista della bilancia .  

Tsuda riconduce  la composizione della lotta all'esperienza, ed alla più semplice esperienza organica: il respiro, quel flusso di inspirazione ed ispirazione naturale così connaturato con la nostra attuale forma umana da essere istintivamente identificato spesso con la vita stessa (pnèuma, elan vital, soffio......).  

Eppure, senza necessità di concettualizzazioni, anzi, di fatto nemico delle medesime, l'antico spirito del buddhismo zen correla il respiro con la riemersione della primigenia natura del Buddha risvegliato e liberato che giace nell'animo di tutti gli esseri senzienti. Sedersi sullo zafu inspirando ed espirando, senza porre ad alcunché d'altro l'attenzione, sino ed essere il semplice respiro: questa pratica dello za-zen riconduce l'essere umano alla sua vera natura illuminata, al suo vero stato del Buddha, come conferma il maestro Shunryu Suzuki Roshi, della scuola Soto. "Il mio zen è molto semplice: quando ho fame mangio, quando ho sonno dormo", così conclude Suzuky roshi la sua bellissima opera "Mente Zen, Mente di principiante".  

Già: e perchè mai "di principiante"? Intende forse Suzuky ricondurre i suoi discepoli alla ingenuità infantile? In effetti, non di ingenuità si tratta, quanto piuttosto di consapevolezza dell'essere nel qui ed ora così denso di realtà da corrispondere, se liberamente inteso, come immersione stessa nel Nirvana, libero dalle costrizioni del flusso incessante del karma. 

Un ricondursi dell'essere alla quiete profonda dell'amore consapevole che regna nelle profondità di quell'oceano di cui gli antichi Veda ebbero a dire "Io sono l'onda, tu rendimi mare". Tat Tvam Asi: tu sei quello. Da sempre, comunque e quantunque. 

Manifestandoti ora in quel respiro attorno al quale si svolge il flusso cosmico di questa esistenza, epifenomeno emergente della grande vita universale.  

Tashi Delèk, Sarvamangalam

Esseni, vegetariani, protocristiani

Prima del 1947 tutte le notizie riguardanti gli Esseni venivano da
Plinio il Vecchio, da Filone, da Giuseppe Flavio ed Epiphanio. Questi
infatti narrano che la comunità degli Esseni  fu un’associazione
religiosa di derivazione ebraica presente in vari luoghi della
Palestina sulle sponde del Mar Morto fin dal 2° sec. a. C. e scomparsa
nel 1° secolo dopo Cristo. Si presume che gli Esseni fossero circa
4000. La loro filosofia è riportata, oltre che da molti cronisti del
tempo, nei famosi manoscritti, in paleoebraico ed aramaico (composti
da 800 rotoli e 15.000 frammenti) prodotti tra il 170 a.C. ed il 60
d.C. trovati nel 1947 in 30 grotte a Qumran nei pressi del Mar Morto,
quartiere esseno sul Sion dove Gesù celebrò l’Ultima Cena.

            La residenza collettiva degli esseni era del tipo
monastico (tutto era messo in comune) anche se organizzati secondo una
struttura gerarchica. Erano asceti e venivano considerati “puri.”
Compivano abluzioni rituali che simboleggiavano la discesa dello
Spirito e agapi, rituali con la benedizione del pane e del vino. Il
loro insegnamento si ritrova nello Zend di Zarathustra, nei concetti
fondamentali del Bramanesimo dei Veda e delle Upanishad, nel pensiero
di Budda e nei sistemi Yoga. Anche i Pitagorici e gli Stoici seguivano
la stessa filosofia e che si ritrova nella cultura dei Fenici e degli

            Gli Esseni vivevano presso le rive di laghi e fiumi,
lontano dalle città. Erano principalmente agricoltori e frutticoltori
con una vasta conoscenza del suolo e delle condizioni climatiche che
gli permetteva di coltivare una notevole qualità di frutta e vegetali
in zone relativamente desertiche. Furono il primo popolo che condannò
la schiavitù. Tra loro non vi erano né ricchi né poveri. Dimostravano
che tutte le necessità vitali dell’uomo potevano essere soddisfatte
attraverso la conoscenza della Legge, senza ricorrere alla lotta.
Dedicavano molto tempo allo studio delle Scritture, della medicina,
dell’astronomia. Furono considerati gli eredi dell’astronomia
Persiana, Caldea e dell’arte della guarigione Egizia.

            Erano esperti della profezia alla quale si preparavano con
digiuno prolungato. Esperti conoscitori di erbe medicinali per curare
sia gli uomini che gli animali. Si lavavano ogni giorno e indossavano
abiti bianchi. Consumavano il loro pasto in silenzio precedendolo e
terminandolo con la preghiera. Non mangiavano carne né bevevano
liquidi fermentati. Suonavano vari strumenti musicali. Il loro sistema
di vita permetteva loro di giungere fino a 120 anni godendo ottima
forza ed una notevole resistenza alle fatiche. Rigorosi nella loro
fede. Sembra accettassero qualche forma di reincarnazione. La loro
dottrina, vicina alle scuole Misteriche, egiziane e greche, mostra
parecchi punti in comune anche con i discepoli di Pitagora.

            Cercavano la conoscenza diretta e personale di Dio più che
la scrupolosa osservanza dei dogmi, ciò rendeva superfluo il ruolo
intermediario del sacerdote. Intendevano attuare la vera  fede mosaica
in contrapposizione alla religione ufficiale. Erano divisi in tre
classi: liberi, pratici e contemplativi. Abolivano ogni distinzione di
rango e privilegiavano le virtù sopra ogni cosa. Professavano la
carità verso gli indigenti. Per essere ammessi nell’Ordine degli
Esseni gli aspiranti dovevano osservare periodi di prova che duravano
un anno. Significativo era il giuramento che alla fine l’adepto doveva
pronunciare: “Giuro di adorare ed onorare Iddio, di serbare giustizia
e carità alle sue creature, di non nuocere a nessuno…”

            Gli Esseni consideravano Gesù il più grande dei profeti ma
negavano la sua  divinità; sostenevano che era nato umanamente nel
quale si era incarnato il Cristo. Non potevano possedere denaro. Il
celibato e la mancanza di procreazione li obbligava ad accettare
fanciulli orfani. Plinio il Vecchio chiama questo popolo silenzioso e
mirabile. Per gli Esseni essere benevoli verso gli animali era una
regola di vita. Gesù parlava e agiva come un essene per questo è
ragionevole pensare che fosse vegetariano.

            Erano guaritori, esorcisti per imposizione delle mani. Si
chiamavano i poveri in spirito. Giuseppe Flavio dice che erano
longevi, che i più di essi superava i 100 anni a motivo della
semplicità della loro vita.  Molti divennero cristiani col nome di
Ebioniti e Nazorei. S. Epifanio dice che erano vegetariani. Egisippo
dice che Pietro essendo Nazireo era di conseguenza vegetariano come
Giovanni, Giacomo e Stefano.

            Filone, storico contemporaneo, afferma che prestavano
gratuitamente i loro locali per la Pasqua a patto che si rispettassero
le loro regole. Da studi archeologici il Cenacolo era nel cuore del
quartiere Esseno. Gesù disse a Giovanni di seguire un uomo con un’otre
colma di acqua sulla testa e lì avrebbero chiesto al padrone di
concedergli un locale dove celebrare la Pasqua (Mr: 14,14). Di solito
erano le donne a portare l’acqua. Quell’uomo doveva essere un esseno,
perché celibe doveva provvedere da solo a questo approvvigionamento.

            Giuseppe Favio sostiene che i Qumraniti e gli Esseni
fossero la stessa cosa. I partiti religiosi in quel tempo erano 3:
Farisei, Sadducei ed Esseni, questi ultimi aggiunti da Giuseppe
Flavio. La scomparsa degli Esseni resta un mistero. Ci fu una qualche
osmosi tra gli Esseni e il cristianesimo primitivo. Nel 31 a.C. vi fu
un terremoto che causò l’abbandono del sito, dato che le cisterne
erano divenute inservibili. Nell’anno 70 la distruzione di
Gerusalemme. I membri della comunità, che speravano di poter ritornare
sul posto, salvarono la loro biblioteca, dopo aver imballato con cura
e nascosto i singoli rotoli.

            Filone scrive: “Sono votati interamente al servizio di Dio
e non sacrificano animali.”  Venivano chiamati misericordiosi, puri,
poveri in spirito. La loro casa era aperta a tutti. Disdegnavano il
matrimonio ma adottavano i figli altrui. Quando viaggiavano non
portavano nulla ma erano armati a motivo dei briganti. Mandavano
offerte al tempio ma non compivano sacrifici. Non odiavano nessuno,
sia ingiusto o nemico, ma pregavano per essi. Affermavano che la carne
resusciterà e sarà immortale come l’anima. Analogie con lo spirito del
Vangelo: la santificazione dei pensieri, la povertà, l’abbandono in
Dio. Come Pietro avevano un arma per difendersi dai briganti.

            I Padri della Chiesa Latina e Greca affermavano che Gesù,
come tutti gli uomini spirituali del tempo, si astenevano dal mangiare
carne. Simone, prima di essere discepolo di Gesù, era stato discepolo
di un certo Dositeo che era Esseno. Luca dice che il Bambino cresceva
e viveva nel deserto fino al giorno della sua manifestazione. Il
deserto, per gli Esseni, era la regione in cui abitavano. Pare che sia
il Giovanni Battista che lo stesso S. Paolo abbiano avuto contatti con
gli Esseni. Giovanni l’evangelista prima di essere discepolo di Gesù
fu discepolo di Giovanni Battista . Il Vangelo di Giovanni è
completamente imperniato sul tema della lotta tra il bene e il male,
tra la luce e le tenebre, come gli scritti di Qumran in cui vi sono
evidenti influssi di dottrina gnostica. Gli Esseni avevano uno
straordinario culto degli Angeli e ritenevano imminente la fine del

            Nel Vangelo Esseno della Pace (testo in Aramaico del 3°
sec.) Gesù dice: “In verità vi dico: tutto ciò che vive sulla terra ha
origine da un’unica madre. Quindi chi uccide, uccide suo fratello e
Madre Terra si discosterà da lui sottraendolo del  suo seno
vivificante. I suoi Angeli lo eviteranno e  Satana prenderà dimora nel
suo corpo. E la carne degli animali abbattuti diventerà la stessa
tomba per il suo corpo. Perché io ve lo dico in verità: colui che
uccide uccide se stesso e colui che mangia la carne degli animali
abbattuti mangia un corpo di morte. Non uccidete mai e non mangiate
mai la carne delle vostre innocenti vittime se non volete diventare
schiavi di Satana”. Poi ancora afferma: “Io vi chiederò di ogni
animale ucciso come pure vi chiederò delle anime di tutti gli uomini
uccisi”. E prosegue: “Colui che senza motivo uccide un animale senza
che questo lo attacchi, sia per il piacere di uccidere che per
procurarsi la sua carne, la sua pelle o le sue difese, questi commette
un atto malvagio perché egli stesso si trasforma in bestia feroce. E
per questo la sua fine rassomiglia a quella delle bestie feroci”. E a
chiusura del passo evangelico, Gesù ribadisce: “Io vi dico, non
uccidete né uomini né bestie e non distruggete con il fuoco gli
alimenti che portate alla bocca perché se voi mangiate degli alimenti
viventi questi vi vivificheranno. Ma se voi uccidete per ottenere il
vostro nutrimento, la carne morta vi ucciderà a sua volta. Perché la
vita procede solamente dalla vita, e dalla morte deriva soltanto la
morte. Tutto quanto uccide i vostri alimenti uccide altresì i vostri
corpi e tutto quanto uccide i vostri corpi uccide parimenti le vostre

            Inoltre Gesù dice: “Non cercate la Legge tra le scritture
perché la Legge è vita ed è scritta in tutto ciò che vive mentre la
scrittura è morta. In verità vi dico che l’uomo è figlio di Madre
Terra, che è tutt’uno con Madre Terra. La carne del tuo corpo è nata
da Madre Terra, il tuo spirito dal Padre Celeste. Il sangue che scorre
in te nasce dal sangue della Terra. L’aria che respiri nasce dal
respiro della Terra. La durezza delle tue ossa nasce dalle ossa di
Madre Terra. Dio assegnò all’uomo due spiriti con i quali procedere:
lo spirito della verità e quello della menzogna. I due spiriti lottano
nel cuore dell’uomo attribuendogli saggezza e follia. Quando sarete
alla presenza di Dio Satana testimonierà contro di voi attraverso le
vostre azioni ed i vostri peccati e i suoi Angeli testimonieranno per
voi attraverso le vostre opere buone. Dio è il Dio della Vita mentre
Satana è il Dio della Morte. Pregate ogni giorno il vostro Padre
Celeste e la vostra Madre Terra”.

            Negli scritti di questo Vangelo vi sono  molte
similitudini con i Vangeli canonici: “L’amore è paziente, gentile,
tutto sopporta, l’amore è più forte della morte…” Le tre grandi virtù
dell’uomo: la fede, la speranza e l’amore, ma l’amore è la più grande
di tutte.” “Se uno dice “amo il Padre Celeste ma odio mio fratello” è
un bugiardo: se non ama suo fratello che vede  come potrà amare il
Padre Celeste che non vede?”  I frammenti del Vangelo Esseno di
Giovanni ricalcano da vicino l’Apocalisse: l’apertura dei vari sigilli
è affidata agli Angeli: dell’Aria, dell’Acqua, della Terra, del Fuoco,
della Gioia, della Vita ecc. Nei vangeli Esseni vi è un’altissima
considerazione degli Angeli dei quali sovente parla Gesù. La preghiera
insegnata da Gesù è tutta rivolta alla gratitudine verso il Padre
Celeste e verso la Madre Terra e invita continuamente a cercare la
comunione con gli Angeli che incarnano e dispensano luce, di saggezza,
di gioia, potenza.

            DIFFERENZE con il pensiero di Gesù dei Vangeli sinottici
gli Esseni dimostrano eccessivo rigorismo nell’osservanza del sabato:
“Nel giorno di sabato nessuno aiuti una bestia a partorire, e se cade
in una cisterna o in una fossa non la si tiri su.” “Se una qualsiasi
persona cade in un luogo pieno d’acqua, o in un altro luogo, nessuno
lo faccia salire con una scala, con una corda o con qualsiasi altro
oggetto”. Mentre gli Esseni non hanno uno spirito missionario Gesù
invece dice: “Andate e predicate il Vangelo a tutte le genti”.

Franco Libero Manco